Motocicliste
 
Login | Registrati |condividi su  

home page

Modelli per bambini
quali le moto per cominciare
Trasporto bimbi
come trasportare i bimbi in moto
Mamme e moto
perché abbandonare la moto dopo che si diventa mamme?
Scuole e corsi per bimbi
scuola guida e corsi per imparare
Abbigliamento, accessori
caschi, abbigliamento per bimbi
Opinioni
le vostre opinioni, storie, esperienze, domande...
Giocattoli
Tanya la motociclista
BAMBINE E BAMBINI... IN MOTO

UN GIRO LUNGO... MA LUNGO LUNGO... PROMETTI ZIA CARLA?

Bambini & Moto"Un giro lungo... ma lungo lungo... prometti zia Carla?"
Posso affermare con assoluta certezza che la mia nipote minore è una motociclista sfegatata.
Quest'anno orgogliosa dei suoi 6 anni e 1/2, del suo primo anno di scuola elementare non si può più accontentare di salire sulla moto da ferma o di fare un giro attorno alla casa... ora non ha più paura "Sono
cersciuta, ormai!"
I bambini e il loro fantastico mondo.
Vivono con noi, ma il loro universo scorre parallelo al nostro, vivono una dimensione e una realtà che noi abbiamo ormai dimenticato. Non che sentimenti quali invidia e gelosia siano sconosciuti: la sorella minore viene con gli zii in moto, beh allora un "Vengo anch'io!!" ci viene urlato come un rimprovero dalla sorella maggiore.
Noi siamo arrivati tardi, il viaggio è stato lungo, domani vedremo se si meriteranno la passeggiata.
Ci svegliamo di buon'ora, alle 7,30 trovo, in mutande, la mia pestifera nipotina che con denti, mani e faccia già lavate scalpita per ciò che crede essere un suo diritto: un giro in moto.
Tutto con i bambini procede al rallentatore, il loro mondo fatto di mille perché e percome si riversa improvviso su di noi.
Tutti questi cavi, cavetti, levette, la sellona "Che grande!... Posso sedermi davanti? Sto buona, buona!", " Ma poi andiamo prima piano, poi forte, forte come mai sei andata zia Carla, ma sempre piano che sennò ho paura!"
Indossano il casco e mentre la maggiore riflette se tenere la molletta e se "Sono spettinata?", l'altra si fionda con un "Brum, brum" giù nel box.
Mio marito cerca pazientemente di spiegargli come aggrapparsi, come stare sedute, i piedini bene appoggiati sulle pedane... e mentre la mamma e la nonna sventolano dall'immenso balcone fazzoletti bianchi, noi ci
accingiamo a partire.
Accendiamo, un urletto, una sgasata, altro urletto, la prima e via.
E come per incanto le bimbe, dimentiche di ogni nostra raccomandazione, si sbracciano in saluti, sgambettano, si voltano... e all'improvviso mi rendo conto che sto trasportando un carico prezioso, che dovrò essere ancora più prudente, che questo non è un gioco, io sono l'adulta, io sarò responsabile per lei e per me.
E mi rivedo bambina, ammutolita nella grande moto di mio cugino, per un attimo rivivo quel momento
sepolto non so dove nell'armadio dei miei ricordi.
E se mi sentivo protetta dietro le sue spalle, sicura che niente mi sarebbe successo, credo che quella che ora siede dietro veda in me, che mi sento insicura e inferiore agli altri ogni volta che esco con la mia moto,
ciò che io vedevo in quel cugino grande e grosso.
Curioso... le cose non sono mai come sembrano.
Procediamo lentamente. Abbiamo spiegato loro che faremo un gioco, che se incontreremo altre moto dovranno fare come noi, alzare due dita a V e salutare.
Sono bambine loro. Occhi di gatto è uno degli eroi dei cartoni animati e anche lei solleva le dita e le porta agli occhi.
Siamo sicuri che siamo noi a dover insegnare qualcosa ai bambini?
Il mondo gli si offre senza regole e preconcetti, agiscono d'istinto e la loro scelta è quella migliore: i loro saluti saranno per le moto, per gli scooter, per i motorini, per i camper, per le auto, per i trattori... che al nostro passaggio una volta individuato il carico posteriore, faranno del loro meglio per tornare bambini anche loro.
Chi di noi da piccola non ha spiato e fatto le linguacce dal finestrino dell'auto dei propri genitori e chi di noi non ha ricevuto in cambio un sorriso indulgente, uno sguardo divertito? Basta poco basta volerlo e sono attimi di spensieratezza.
Ed ecco immmetterci nell'entroterra ogliastrino, un cartello ci avverte della pendenza del 10%, io sono pronta, ma la mia passeggera non conosce il significato del triangolo ed urla eccitata nel mio casco "Una salitaaa,
non ce la faremo, acceleraaaaaaaaaa..." Una forte pressione delle sue ginocchia sulle mie anche e poi giù per la discesa alla fantastica velocità di 45 km/h e lei sempre più esaltata che urla, sghignazza; mio marito
strombazza, io strombazzo, le bimbe che sgambettano e gridano divertite e poi... per un momento non so più se quella vocina urlante è la mia, quella della mia nipotina o quella della bambina che un tempo sono stata.
E' l'ora del pranzo, un caldo soffocante, il caldo torrido di quest'isola meravigliosa che è la Sardegna, ci accompagna verso casa. La gita è finita e mentre sistemiamo le moto nel box coadiuvate dalle nipoti non so
distinguere chi di noi quattro ha ricevuto il dono più grande e penso, come sempre, che è bello vivere la moto.

Carla

Motocicliste 2000