Motocicliste
 
Login | Registrati |condividi su  

home page

Modelli per bambini
quali le moto per cominciare
Trasporto bimbi
come trasportare i bimbi in moto
Mamme e moto
perché abbandonare la moto dopo che si diventa mamme?
Scuole e corsi per bimbi
scuola guida e corsi per imparare
Abbigliamento, accessori
caschi, abbigliamento per bimbi
Opinioni
le vostre opinioni, storie, esperienze, domande...
Giocattoli
Tanya la motociclista
BAMBINE E BAMBINI... IN MOTO

TANYA LA MOTOCICLISTA

Sei li' a fare gli acquisti di Natale e lo sguardo cade su una scatola rosa fra un milione di altre, strabuzzi gli occhi e fatichi a crederci: Tanya la motociclista!

Dopo aver sentito generazioni di mamme e papa' negare in tutti i modi (dal divieto diretto ai condizionamenti più sottili) ai propri figli, ma soprattutto alla propria "bambina", l'acquisto del motorino e della moto; abituate come siamo a sentir dire che la moto è sempre stata una "roba da uomini", che guidare una moto non è femminile, o al più cosa riservata a rare e improbabili amazzoni, più che altro vive nell'immaginario dei calendari da garage... ecco che la sorpresa di vedere, nello scaffale affollatissimo e rassicurante di bambole di ogni tipo, anche "Tanya la motociclista" ci lascia lì a bocca aperta.
Mamme, zii e bambini, che hanno preso d'assalto il negozio, ci credono imbambolate al pensiero di quanto costerà questo natale far felici i piccoli della famiglia. Nemmeno fossimo i Re Magi! No, il popolo scalmanato dello shopping natalizio non sa che i nostri unici giocattoli quest'anno saranno quelli per la Motoraccolta benefica, il 26 dicembre, destinata ai bambini più sfortunati e organizzata a Roma dal Coordinamento Motociclisti e dall'Associazione Maluba.
E che abbiamo vinto il panico di entrare qui, sgomitando fra le vie del centro di un sabato pomeriggio di dicembre, solo perché una soffiata ci aveva avvertito: "è uscito un nuovo giocattolo, una bambola in motocicletta, Tanya la motociclista".

I giocattoli sono testimoni dei cambiamenti di mentalità sia nella rappresentazione del mondo, sia nell'immagine che del bambino hanno avuto le diverse epoche storiche.
Scavi archeologici, fonti letterarie e artistiche ci raccontano come nel mondo antico, dai sumeri agli egizi, dai greci ai romani, i bambini utilizzavano giochi, passatempi simili a quelli di oggi (altalena, corda, aquilone, tiro alla fune, birilli) e giocattoli che riproducevano armi ed aratri o oggetti di uso quotidiano. La bambola come giocattolo risale al 2000 a.c., nell'Egitto faraonico.

"Nei giochi sono rappresentati, modellizzati, le relazioni sociali, il rapporto tra natura e tecnologia. Attraverso un'attenta osservazione dei giocattoli di ieri e di oggi si possono cogliere i modi con cui gli adulti rappresentavano (e rappresentano ancor oggi) a se stessi e ai bambini il mondo in cui vivono: attraverso il gioco, i bambini potevano incominciare ad entrare nel mondo degli adulti, magari un po' per finta e in punta di piedi" (Milena Cossetto).
Il giocattolo è insomma la cultura del bambino: attraverso il giocattolo il bambino elabora saperi e poteri che lo mettono in relazione con il suo mondo. Certo non esiste una scienza del giocattolo e nessuno può sapere davvero che effetto abbiano i giocattoli sulla vita e la mentalità dei bambini, non sapremo cioè se la bambola di plastica servirà a giocare alla mamma, o a prendere in giro la mamma.

Come che sia, a noi motocicliste andrà bene ugualmente: che le bambine quest'anno giochino con Tanya per emulare le loro mamme più audaci, o che lo facciano per prenderci un po' in giro, ci piace comunque pensare che a loro finalmente il ruolo della motociclista non sembrerà più "fuori luogo", e andare in moto sarà uno dei tanti modi di far giocare la loro bambola preferita. Tanya dunque come testimone di un cambiamento di mentalità nella rappresentazione del mondo: si trucca, si veste, va a ballare, o a spasso col cane, come tutte le bambole di una generazione fa. Ora però sta anche al computer, va in scooter e, mani sul manubrio, fa rombare un bicilindrico custom tutto cromato. Naturalmente rosa shocking.

Motocicliste 2000