Campionato Italiano Motocicliste
Pilote
Gare
Foto e video
Classifiche
Rassegna stampa
Emozioni
Archivio
Torna alla home
CAMPIONATO ITALIANO MOTOCICLISTE

Nel 2004 nasce in Italia il primo Trofeo Motocicliste, esclusivamente dedicato alle donne e organizzato da donne, il Motoclub Motocicliste. Un successo con oltre 60 iscritte, quasi tutte alla loro prima esperienza agonistica, 5 gare, sponsor.
Nel 2006, dopo due stagioni di grande crescita, la Fmi accetta la proposta di elevare il Trofeo a Campionato Italiano Motocicliste, titolando le vincitrici a campionesse. Parallelamente si corre il Trofeo Esordienti, per dare modo alle neofite di prepararsi ed affrontare poi le pilote con più esperienza. Team ufficiali delle case, grande partecipazione di pubblico, seguito dei media e soprattutto un forte fermento da parte delle ragazze, che migliorano anno dopo anno il loro livello a ritmi incredibili. Il grandissimo gap tra i record femminili e maschili delle piste si accorciano velocemente, fino a quasi del tutto annullarsi nell'ultimo anno, il 2009. Un sempre crescente numero di donne, anche giovanissime, si avvicina al motociclismo. L'Italia diventa in pochi anni il modello e il campionato o più ambìto per le pilote di tutto il mondo, per il suo livello tecnico e la intensa partecipazione. In altre nazioni cominciano a nascere esperienze simili, anche se sono tante le pilote straniere che cercano di venire a correre in Italia.
Da questa esperienza, sempre organizzato da Motocicliste, nasce nel 2005 la prima Coppa Europea Femminile velocità, l'EUROPEAN WOMEN'S CHAMPIONSHIP che nel 2006 diventa Campionato.
Risultati: 2004 - 2005 - 2006 - 2007 - 2008 - 2009.

Pilote

Nel 2010 la Fmi decide di chiudere l'esperienza, sottrarre l'organizzazione al fondatore (Motocicliste.net). Un anno di stop (in cui si corre una sola gara di femminile), per poi riprendere, a esclusiva cura Fmi, nel 2011, con 4 gare in programma, sempre come Trofeo non titolato.

L'esperienza ha dimostrato che la competizione in una categoria femminile, come avviene negli altri sport, se portata avanti con la massima convinzione organizzativa, al pari del settore maschile, ha generato una crescita sia del numero di praticanti che un miglioramento continuo del livello agonistico. Che la storia in qualche modo continui!