Motocicliste
 
Login | Registrati |condividi su  

home page

La macchina fotografica
vari tipi (reflex o non), formati pellicola
Otturatore
velocità di otturazione
Diaframma
valori, profondità di campo
Pellicole
sensibilità, ASA, DIN, ISO
Esposizione
valori, come scegliere
Gli obiettivi
quali usare e come
L'inquadratura
primo piano, mezza figura, panoramica, still life...

Le vostre foto
- Cristina
- Andrea
- Alessia
- Chantal
- Francesca

Concorso fotografico
La moto del tempo: storia della motocicletta ed emozioni raccontate con immagini 
Esempi

foto 1 Luce - Foto 1
Per ottenere effetti come questo, occorre disporre di una macchina fotografica che abbia la possibilità di funzionare in manuale. Infatti, un'automatica vi direbbe che non c'è abbastanza luce e, nel migliore dei casi, farebbe partire il flash rovinando l'effetto delle luci delle auto e della quinta sulla sinistra.
foto 2 Flash - Foto 2
Il flash invece torna utile in situazioni come questa. Anche se in pieno giorno, il contrasto tra la luminosità dello sfondo ed i soggetti in primo piano avrebbero reso la fotografia praticamente illeggibile. Il flash ha invece schiarito le ombre ed evidenziato dei dettagli che altrimenti sarebbero andati persi.
foto 3 Filtro polarizzatore - Foto 3
Difficile resistere alla tentazione di riprendere uno spettacolo del genere. Una foto così però racconta poco a chi la vede, serve solo a noi che l'abbiamo scattata per ricordare un certo momento, una certa situazione. Comunque sia, per avere quel contrasto e quel cielo così intenso, bisogna utilizzare un filtro "polarizzatore" che, tra le sue peculiarità, ha quella di rendere il cielo più scuro, eliminando o riducendo i riflessi di luce sull'inevitabile pulviscolo, umidità o foschia presente nel cielo.
foto 4 Otturatore - Foto 4
Certo, avrei potuto comprare una cartolina, ma volete mettere la differenza di averla scattata di persona? Come in un esempio precedente, anche qui un'automatica non ci avrebbe consentito di ottenere questo risultato. L'otturatore è stato lasciato aperto per alcuni secondi, vedete le luci delle auto trasformate in strisce e le persone in movimento sono praticamente cancellate. Per fare questo, occorre avere una macchina fotografica che dispone della "Posa B", ovvero la possibilità di controllare manualmente l'apertura e la chiusura dell'otturatore, ma soprattutto occorre trovare un saldo punto di appoggio. Per quanto riguarda il tempo di esposizione, per le prime volte andate a tentativi, poi l'esperienza vi aiuterà.
foto 5 Inquadratura - Foto 5
Anche in questo caso potevo comprare una cartolina, ma in mezzo al deserto del Nevada gli indiani vendevano solo collanine (probabilmente le stesse che gli europei gli hanno rifilato qualche centinaio di anni fa). C'è da dire che, secondo le teorie dell'inquadratura descritte, questa foto è certamente sbagliata (la linea dell'orizzonte è proprio al centro della foto), ma non volevo perdermi quel cielo e poi c'è quella piccola montagnola sulla destra che, facendo da quinta, rompe la regolarità dell'orizzonte, salvando almeno in parte una inquadratura sbagliata.
foto 6 Panorama - Foto 6
Ecco invece come svolgere un panorama. La prospettiva ci dà la profondità, le auto sul sentiero ci danno le dimensioni, luci ed ombre ci danno il movimento.
foto 7 Natura morta - Foto 7
Questa inquadratura ovviamente sfugge alle solite classificazioni. Potremmo dire che è una natura morta (Still Life), in effetti i granchi erano bolliti. Più semplicemente è una foto descrittiva, mi sono piaciuti i colori, il modo in cui il venditore ha sistemato le bestie e l'effetto dell'insieme. Se la foto è ben fatta, tutto questo viene comunicato a chi la guarda.

Fabio Lagatta

Motocicliste ® 2000