Motocicliste
 
Login | Registrati |condividi su  

home page

PASSIONE FUORISTRADA

ENDUROSE

ENDUROSEMADAME ET MONSIEUR: L’ENDUROSE!!!
ITALIA-FRANCIA ALL’ENDUROSE
di Simonetta Milani
con Donne Fuori di Strada

23 le italiane presenti alla sesta edizione dell’Endurose. Il podio è francese ma le nostre vincono tutto il resto.

GALLERY FOTOGRAFICA

Giovedì 13 luglio: splende il sole e fa caldo. La carovana delle enduriste italiane si muove verso Beaujeau, terra del famoso vino, per partecipare alla sesta edizione dell’Enduorse, unica gara di specialità riservata esclusivamente alle donne.
Ideata da Monsieur Anthony Bleton, presidente del Team Tout Terrain, la prima edizione prende il via nel 2001, coinvolgendo partecipanti da tutta Europa (Francia, Italia, Svizzera, Gran Bretagna) e riserva la possibilità anche a chi non è professionista, o non si sente di partecipare a competizioni miste, di provare l’emozione di una vera gara.
L’edizione 2006 prende il via con 87 partenti: si può optare per un giro di circa 80 chilometri oppure per due giri (160 km), costituiti da 2 e da 4 anelli di percorso, ognuno dei quali contraddistinto da una prova speciale e da una prova di cross ad eliminazione. Novità di quest’anno: la prova in linea.
La squadra italiana si presenta con 23 atlete: non solo donne che da anni solcano le strade delle massime competizioni enduristiche e rallistiche, ma anche semplici appassionate del tassello colorano di azzurro le colline ed i vigneti di Francia.
La sfida si rinnova fra le fortissime transalpine Ludivine Puy, Audrey Rossat, Alice Geneste, e le nostre Maria Teresa Pegoraro, Barbara Bettinelli, assolute protagoniste della prima edizione.
Ad accogliere l’equipe ITALIA, capitanata dalla pluricampionessa italiana di motorally Enrica Perego, presidente dell’associazione Donnefuoridistrada, la struttura sportiva di Beaujeau pronta ad ospitare camper, furgoni, tende ad animare l’intero paese e creando un bellissimo spirito di squadra. L’assistenza meccanica italiana è fornita dagli immancabili Nazareno Falappi dell’Old Farm Racing, Antonio Bozzi della McMaster, Antonio Colombo (uomo ombra per le piccole cilindrate) e, a dare sostegno morale, tanti mariti, fidanzati e amici.
Sabato 15 luglio: il giorno della gara. Sveglia presto, per chi è riuscita a dormire. La colazione, che dovrebbe essere abbondante e ricca di zuccheri e carboidrati, fatica ad andar giù. Indossiamo la bellissima maglia di gara: azzurra, con la scritta Italia e il logo dell’Associazione. Enrica Perego non sarà delle nostre perché, a causa di una brutta frattura alla mano destra, è costretta ad un fermo di parecchi mesi. Che peccato! E’ l’unica nell’enduro femminile a organizzare eventi per le donne e, anche in questa occasione, è riuscita a procurare importanti sponsor come Fantic, Athena, UFO e McMaster. Arriva il momento della partenza. Foto di rito in gruppo, pacche sulle spalle, sorrisi nervosi a denti stretti e via al parco chiuso a ritirar le moto.
Il percorso: due anelli tra prati, vigneti, mulattiere in salita e in discesa, pietre e qualche gradino di roccia caratterizzano il primo giro. Fa caldo, la temperatura sfiora quasi i 35 gradi. La prova speciale è su un bellissimo fettucciato su prato: 6-7 minuti di paletti larghi e veloci con un piccolo tratto di bosco sabbioso che causa parecchie cadute. Al termine della speciale, si prosegue attraverso un fresco sottobosco che a tratti si stringe, ma abbastanza scorrevole. Sosta e controlli e si riparte per il secondo giro. Più bello del primo! Più largo e veloce, con lunghi tratti in salita che portano in collina. Il paesaggio è meraviglioso, si respira il profumo del bosco e della resina di pino. Il secondo anello è più lungo del primo. La prova speciale in linea si snoda invece su un sentiero chiuso fra alberi (dove il manubrio della moto fatica a passare), esposto ad uno strapiombo senza protezioni. Radici e tronchi resi visibili dalla vernice rossa rendono particolarmente insidiosa la prova, che non è piaciuta a molte. Il secondo giro termina a Quince in Beaujolaus, piccolo e delizioso borgo medioevale: è qui che si svolge un’appassionante prova ad eliminazione di cross, durante la quale Barbara Bettinelli e tutte le italiane hanno dimostrato grande tecnica e tenacia. Gara di alto livello che ha regalato belle emozioni.

Le classifiche
La prova assoluta due giri vede un podio tutto francese: Luduvine Puy sale sul gradino più alto del podio, seconda la simpaticissima Alice Geneste (molto più acclamata dagli italiani) e terza Audrey Rossat (definita da Ludivine “la sua allieva”). Le italiane in questa prova: 4^ Barbara Bettinelli, 6^ Anna Sappino, 7^ Marzia Grandi, 10^ Maria Teresa Pegoraro (che riesce a terminare la gara nonostante le pessime condizioni fisiche dovute ad una brutta caduta), 12^ Paola Bertani, 18^Sara Raviola, 23^ Paola Rigoni, 25^ Raffaella Guaschetti, 27^ Marta Giachello, 30^ Erika Burioli, 36^ Deborah Merico, 37^ Ezia Bosi, 38^ Barbara Bolognesi, 45^ Susanna Grasso, 46^ Nabila Sandrone, 53^ Luana Antonelli, 58^ Elisa Furlani. Abbandonano la gara Giada Castellani e Viviana Gili (quest’ultima a causa di problemi alla frizione).

La classifica riservata alle principianti vede prima classificata la veterana Colette Cuenin, seguita da Sophie Dieval, terza Simonetta Milani. Le altre italiane: 6^ Mara Iseppon, ritirate Michela Panigada e Maurizia Bruni, protagonista di una brutta caduta.

Hanno regalato una coppa all’Italia: Nabila Sandrone e Susanna Grasso per la classifica riservata ai 50cc; Maria Teresa Pegoraro prima tra le Veteran grosse cilindrate; Barbara Bettinelli terza delle Senior grosse cilindrate; Anna Sappino terza delle piccole cilindrate.

Ai piedi del podio si scatena la festa! Accompagnatori, amici, organizzatori non risparmiano applausi e cori da stadio enfatizzati dalla recente vittoria della nostra nazionale ai mondiali di calcio di Berlino, proprio con i francesi. Festa proseguita al campo fino a tarda notte sotto un cielo illuminato dai colori dei fuochi d’artificio.
L’appuntamento è per l’anno prossimo a Beaujeau… sempre più numerose!

EDIZIONE 2006: Risultati www.fcc.ch/enduro.htm
87 partenti di cui 6 svizzere e 22 italiane

Seniors petites cylindrées
GENESTE Alice
BOUISSON Stéphanie
SAPPINO Anna
GRANDI Marzia
Seniors grosses cylindrées
PUY Ludivine
ROSSAT Audrey
BETTINELLI Barbara
KYBURZ Laura
Vétérans petites cylindrées
HEDIGER Brigitte
CHAZELLE Frédérique
BERTANI Paola
BOISSET Laurence
Vétérans grosses cylindrées
PEGORARO Maria-Teresa
AMBLARD Marie-José
BOGAIEVSKY Sylvie
ANTONELLI Luana
50 cm3
GRASSO Susanna
SANDRONE Nabila
RIGHI Sandrine
 

Tutte le informazioni su www.endurose.org.

Le passate edizioni dell'Endurose.

SE SEI INTERESSATA AD AVVICINARTI ALL'ENDURO E VUOI AVERE INFORMAZIONI E CONSIGLI, SCRIVICI info@motocicliste.net

Motocicliste 2000