Motocicliste
 
Login | Registrati |condividi su  

home page

La prima moto
come sceglierla
I modelli
quali le moto più adatte per cominciare
Le modifiche
- le prime difficoltà e come possiamo adattare la moto alle nostre esigenze
- Il cavalletto Ducati

Le nostre prove
ecco le moto che abbiamo provato

Database moto
il catalogo con dati e foto delle moto più diffuse

Meccanica 
corsa, alesaggio, pistoni...
Noleggio
Dove noleggiare una moto
Usato
suggerimenti per l'acquisto di moto usate

Accessori
curiosità

Carrelli e furgoni
cosa scegliere se si ha necessità di trasportare la propria moto?
Parcheggio
Bikeshuttle: il modo semplice di parcheggiare la moto in spazi ridotti
La mia moto: quattro chiacchiere su...

BMW R65/3

BMW R 65Modello: BMW R65/3 "Priscilla" brilliantsylber
immatricolata nel luglio 1989, comprata nel giugno 1998 con 30750 km reali all’attivo, nel dicembre 2000 ne ha compiuti 86000.

Caratteristiche: motore bicilindrico boxer, cm³ 649,6, rapporto di compressione 8,4:1, alimentazione a carburatori Bing, cambio a 5 marce, frizione monodisco a secco, trasmissione finale ad albero, freno anteriore a doppio disco, freno posteriore a tamburo.

Modifiche particolari: accessori originali Bmw: manopole riscaldabili, cupolino e coperchi delle valvole dell’R90S, borse laterali serie K, paramotore, scarichi in acciaio inox.
Accessori non originali: sul cupolino è stata aggiunta una vecchia visiera AGV per un’ulteriore protezione dal vento, specchietti Piaggio Zip perché gli originali hanno lo stelo in metallo e la copertura dello specchio in plastica, quindi fragile, cuffioni Ufo in inverno per aiutare le manopole riscaldabili (efficacissimi insieme, inutili separati).

Cruscotto e comandi: il ponte di comando è ben leggibile anche di notte, sul cupolino sono inseriti anche un voltmetro (molto utile, dati i problemi elettrici a cui è soggetta) ed un orologio affidabile. I comandi al manubrio necessitano di assuefazione e soddisfano chi, come me, ama i colori.

Motore e prestazioni: il motore è robusto, longevo e generoso di coppia, molto elastico. Si riesce a tenere una velocità (ridotta, la uso molto in città) costante a 1200 rpm.

Gomme: ho montato un treno di Michelin ed un treno di Metzeler (Laser e Metronic) e devo dire che le seconde sono ottimali. Però non le ho ancora testate sulla neve come invece mi è capitato con le Michelin. In questo caso tengono benino ad una velocità ridotta e soprattutto costante, anche in frenata ma non in cambiata. Spero di non dover testare mai le Metzeler…

Velocità: spalmata sul serbatoio in autostrada sono arrivata a 165 km/h di strumento, 160 km/h è la velocità dichiarata dalla casa, la quale ha un margine di errore basso su ciò che dichiara.

Consumi: in città fa 15 km/l, in extraurbano fa 22 km/l, in autostrada fa 19,5 km/l.

Manutenzione ordinaria: tagliando completo ogni 20000 km intervallato dopo 10000 km da un tagliandino (cambio olio più filtro, registrazione gioco valvole). I tagliandi li ho sempre eseguiti io, presso l’officina del mio meccanico. Il tagliando completo più costoso (cambio di tutti gli olii: motore, cambio, coppia conica, cardano, forcella e freno anteriore; cambio candele, filtri olio e aria; registrazione gioco delle valvole) l’ho pagato £ 160.000, il tagliandino costa £ 40.000. ripeto: senza manodopera.

Posizione di guida: manubrio stretto, pedane ampie, posizione dritta, molto seduta, sella ben imbottita ma sulla lunga distanza stanca (quale moto non stanca dopo 700 km?), molto comodo lo spazio riservato al passeggero.

Uso: turistico tutto l’anno.

Pregi: buon riparo dei piedi nella brutta stagione; cavalletto centrale molto facile da azionare; diametro di sterzo molto favorevole, un po’ pesante ma preciso; baricentro basso; quando cade non si fa praticamente nulla; ottima accessibilità meccanica; intuitiva da guidare, basta guardare la strada per impostare automaticamente la curva; dotata di due vani sottosella, in uno si trova un set di attrezzi fornito dalla casa piuttosto completo, nell’altro trovano posto oggetti utili come pantaloni da acqua, soprascarpe, catena per la moto e catena piccola per il casco; serbatoio da 22 l che consente un’autonomia soddisfacente (400 km in extraurbano con il pieno); con le borse laterali ha una capacità di carico a prova… di donna!

Difetti: piedi molto caldi in estate, stampella laterale azionabile solo se si è scesi dalla motocicletta, capita che faccia problemini di alimentazione all’inizio di un percorso autostradale (col pieno dopo circa 70 km dalla partenza), il bloccasterzo è di vecchio tipo quindi bisogna a fare attenzione a non partire avendolo ancora inserito (non mi è mai capitato), problemi all’impianto elettrico (ho cambiato 4 batterie in garanzia, il rotore dell’alternatore ed il regolatore di tensione), perdita di benzina dai carburatori quando si incanta lo spillo (capita raramente ma è sufficiente smontare la vaschetta sotto al carburatore e rimontarla), peso 200 kg, altezza alla sella 81 cm, le manopole originali lasciano le mani nere.

Conclusioni: le lascio a voi, io ne sono innamorata quindi accetto sia pregi che difetti.

(Silvia)

Motocicliste ® 2000