Motocicliste
 
Login | Registrati |condividi su  

home page

La prima moto
come sceglierla
I modelli
quali le moto più adatte per cominciare
Le modifiche
- le prime difficoltà e come possiamo adattare la moto alle nostre esigenze
- Il cavalletto Ducati

Le nostre prove
ecco le moto che abbiamo provato

Database moto
il catalogo con dati e foto delle moto più diffuse

Meccanica 
corsa, alesaggio, pistoni...
Noleggio
Dove noleggiare una moto
Usato
suggerimenti per l'acquisto di moto usate

Accessori
curiosità

Carrelli e furgoni
cosa scegliere se si ha necessità di trasportare la propria moto?
Parcheggio
Bikeshuttle: il modo semplice di parcheggiare la moto in spazi ridotti

Moto: ASPES Sirio Hybrid

ASPES Sirio Hybrid
il primo scooter ibrido “permanente” in Italia che si autoricarica

ASPES Sirio Hybrid - scooter ibridoLo storico Marchio italiano presenta il suo modello di punta: uno scooter 50cc a 4 tempi con doppio motore integrato (elettrico ed a scoppio) unico sul mercato, in linea con la propria strategia tecnico-ecologica.

Milano, 21 maggio 2009 – Aspes aggiunge un ulteriore tassello alla propria linea tecnico-ecologica, annunciando lo scooter ibrido “Sirio Hybrid 50cc”, unico nel suo nel suo genere, con un motore ibrido permanente e la possibilità di ricaricare le batterie elettriche durante l’utilizzo del veicolo.
“Attualmente il mercato propone esclusivamente veicoli elettrici che hanno la necessità di dovere ricaricare la batteria, estraendola e collegandola ad una presa di corrente. La novità di questo scooter consiste nella perfetta integrazione tra il motore elettrico e quello a scoppio e nella auto-ricaricabilità durante la normale marcia”, ha dichiarato Umberto Pertosa, General Manager di Aspes. “Sirio rappresenta una vera e propria rivoluzione nel settore, perché dà la possibilità pratica, attraverso un selettore posto sul manubrio, di scegliere fra tre modalità di marcia desiderata a seconda delle singole situazioni di guida”.

Aspes considera questo giorno una tappa fondamentale della propria strategia”, continua Pertosa. “Abbiamo riportato sul mercato uno dei marchi più rappresentativi della storia motociclistica italiana, cercando di enfatizzare sempre il forte legame con il glorioso passato e, nel contempo, oggi proponiamo un veicolo che ci permette di essere allineati col presente e col futuro, dove l’eco-sostenibilità, valore chiave nella nostra azienda, è l’elemento che deve influenzare in maniera sempre più crescente l’industria ed i suoi protagonisti”.

Dotato di un comodo tasto selettore posizionato direttamente sul manubrio, Aspes Sirio Hybrid permette la scelta di 3 modalità di andatura:

  • ENGINE – andatura con il motore a scoppio tradizionale a 4 tempi catalizzato, che permette di ricaricare la batteria durante la marcia
  • MIX MODE – andatura a modalità mista con funzionamento iniziale con motore elettrico e passaggio a motore a scoppio (con spegnimento motore elettrico) al superamento dei 25 Km/h
  • ELECTRIC – andatura del veicolo attraverso l’esclusivo utilizzo del motore elettrico.

ASPES Sirio Hybrid - scooter ibridoInoltre, la batteria di Aspes Sirio Hybrid offre 2 comode modalità di ricarica: attraverso l’andatura normale utilizzando il motore a scoppio senza necessità di cavi o corrente ed attraverso la presa di servizio esterna che non costringe a difficoltose rimozioni, evitando possibili danneggiamenti della batteria.
Aspes, fondata a Gallarate alla fine degli anni ’50 dai fratelli Sorrentino, apparteneva da ultimo alla Famiglia Augelli con il supporto dal Cav. Antonio Leggerini. L’azienda, nata inizialmente come produttore di biciclette, avvia nel 1961 la costruzione di ciclomotori, presentando sul mercato modelli che hanno fatto storia nel panorama motociclistico italiano: la Cross Special, l’Apache 125 e la Navajo, ciclomotore da Regolarità che conquisterà grande successo tra i giovani, grazie anche alle vittorie conquistate da Felice Agostini (fratello del più noto Giacomo), campione italiano Cross Cadetti nel 1971. Termina la sua attività con la Hopi e la Yuma, due veicoli, anche loro, ancora nel cuore degli appassionati. Nel 2008 il marchio è stato acquisito dalla Menzaghi Motors S.r.l. con sede a Mornago (Varese).

Motocicliste ® 2000