Motocicliste
 
Login | Registrati |condividi su  

home page

La prima moto
come sceglierla
I modelli
quali le moto più adatte per cominciare
Le modifiche
- le prime difficoltà e come possiamo adattare la moto alle nostre esigenze
- Il cavalletto Ducati

Le nostre prove
ecco le moto che abbiamo provato

Database moto
il catalogo con dati e foto delle moto più diffuse

Meccanica 
corsa, alesaggio, pistoni...
Noleggio
Dove noleggiare una moto
Usato
suggerimenti per l'acquisto di moto usate

Accessori
curiosità

Carrelli e furgoni
cosa scegliere se si ha necessità di trasportare la propria moto?
Parcheggio
Bikeshuttle: il modo semplice di parcheggiare la moto in spazi ridotti

Moto: VFR 1200 F

VFR 1200 F
Honda “sfrutta il potere dei sogni” e crea la nuova VFR 1200 F

VFR 1200 F Nella cornice innevata della fredda Milano HONDA ha presentato la nuova e tanto attesa Road Sport che risponde al nome di VFR 1200 F.

La regina della serata, che è si presentata con le due damigelle d’onore CBF1000 e CB1000R eXtreme, è una moto rivoluzionaria che vanta carattere, eleganza e imponenza.

Si tratta di una moto dotata di una carenatura a doppio strato che permette una perfetta gestione dei flussi d'aria e, allo stesso tempo, la dissipazione del calore del motore sfruttando una veloce circolazione dell'aria e generando vantaggi a livello dinamico e meccanico. La soluzione è stata studiata per rompere i flussi d’aria che investono la moto in corsa, che distraggono l’aria calda del motore dalle gambe del pilota e rende la moto più agile alle alte velocità. La fessura alla base del plexiglas serve invece per rompere il flusso d’aria ascendente minimizzando i vortici attorno al capo del motociclista.

Il propulsore sviluppa 170 cavalli di potenza a 10.000 giri e 129 Nm di coppia ed è un compatto 4 cilindri di 76 gradi raffreddato a liquido. In sostituzione della tradizionale configurazione V4, dove vi è la medesima spaziatura fra i cilindri anteriori e quelli posteriori, la VFR 1200 F adotta una soluzione che permette di centralizzare le masse e risparmiare spazio. I due cilindri posteriori sono infatti posizionati uno accanto all'altro ma ravvicinati, mentre quelli anteriori risultano più distanti fra loro.

Le vibrazioni sono ridotte poiché si impiega un albero motore con perni di manovella sfalsati simmetricamente di 28°, il sistema di distribuzione è Uni-cam, l’acceleratore è elettronico e denominato T.B.W. (Throttle By Wire), la frizione è antisaltellamento mentre la valvola a farfalla a controllo elettronico é sistemata nel silenziatore. Il cambio è dotato di 6 rapporti.
Il sistema di scarico è compatto e caratterizzato da un silenziatore triangolare.

Per quanto riguarda la ciclistica si nota che il telaio “a diamante” a doppia trave in alluminio pressofuso è robusto, rigido ma di certo leggero.

La sospensione posteriore é un mono ammortizzatore Unit Pro-Link regolabile in precarico (tramite una manopola esterna) ed estensione. Sull’anteriore troviamo una forcella telescopica da 43 mm (regolabile in precarico ed in estensione) che garantisce un controllo sicuro.
L’angolo di cannotto è di 25,5° con avancorsa di 101 mm e l’interasse è di 1.545 mm. Le ruote in lega, da 3,50 e 6,00 x17”, sono equipaggiate con radiali Dunlop Roadsmart da 120/50 e 190/55. L’impianto frenante è composto da due dischi da 320 mm con pinze radiali a 6 pistoncini e da un disco posteriore da 276 mm con pinza a due pistoncini, gestiti dal sistema di frenata combinata CBS.

Le pinze anteriori montano pastiglie sdoppiate: la leva del freno aziona quattro pistoncini e due pastiglie di ogni pinza anteriore, mentre il pedale si occupa della pinza posteriore in abbinamento agli altri due pistoncini anteriori, dotati di pastiglie indipendenti. Questa combinazione è affiancata al sistema ABS a sua volta ripartito sulle due ruote.

Le colorazioni disponibili sono rosso metallizzato (Candy Prominence Red), bianco (Pearl Sumbeam White) e argento (Seal Silver Metallic). Le rifiniture sono di buona fattura, la strumentazione è ricca, i blocchetti elettrici sono ergonomici e l’antifurto elettronico HISS è collegato all’accensione.

Gli accessori disponibili riguardano borse da 35 litri e bauletto da 31 (borsa sinistra e bauletto possono contenere un casco integrale) in tinta con la moto e con coperchio basculante, tutti a sgancio rapido e con serrature apribili con la chiave di avviamento, e relative borse interne in nylon molto eleganti. Vi è inoltre la possibilità di sostituire la sella con una più stretta e più bassa di 30 mm oppure scegliere la sella in Alcantara. Anche il parabrezza Touring regolabile si può aggiungere a quello di serie. HONDA offre anche il Kit di navigazione satellitare, con auricolare e kit auto inclusi e segnalazione dei concessionari Honda. Altri accessori riguardano il cavalletto centrale, i deflettori laterali per la carena, il lucchetto a U che può essere posizionato sotto la sella, un piccolo parafango posteriore sulla ruota, la presa a 12 Volt. e il telo protettivo. Degne di nota sono inoltre le manopole termiche, che prevedono tre livelli di riscaldamento gestito in maniera differenziata tra dita e palmi delle mani. Le manopole hanno un diametro di poco superiore a quelle standard, e la sinistra è dotata di comando integrato sul bordo, in modo da poter essere comodamente gestibile col pollice.

Honda VFR 1200 F sarà in vendita da gennaio 2010 al prezzo di 15.500 euro e verrà offerto il trattamento esclusivo Premium post-vendita, che comprende la garanzia estesa a 3 anni, con relativo il recupero stradale gratuito, e tagliandi ogni 12.000 km (dopo il primo, a 1.000) o comunque con cadenza annuale.

Gli appassionati potranno ammirare la nuova VFR1200F in occasione di due appuntamenti in programma entrambi dal 15 al 17 gennaio 2010: il Bike Expo Show di Padova presso la fiera di Padova e il Motor Bike Expo 2010 previsto nei padiglioni di Veronafiere.

Monica Liscaio

VFR 1200 F Il faro anteriore denominato “a X” contribuisce a rendere molto accattivante il design frontale che é impreziosito dai due retrovisori ben fatti, dotati di specchi snodati e che incorporano gli indicatori direzionali.


Motocicliste ® 2000