Motocicliste
 
Login | Registrati |condividi su  

home page

La prima moto
come sceglierla
I modelli
quali le moto più adatte per cominciare
Le modifiche
- le prime difficoltà e come possiamo adattare la moto alle nostre esigenze
- Il cavalletto Ducati

Le nostre prove
ecco le moto che abbiamo provato

Database moto
il catalogo con dati e foto delle moto più diffuse

Meccanica 
corsa, alesaggio, pistoni...
Noleggio
Dove noleggiare una moto
Usato
suggerimenti per l'acquisto di moto usate

Accessori
curiosità

Carrelli e furgoni
cosa scegliere se si ha necessità di trasportare la propria moto?
Parcheggio
Bikeshuttle: il modo semplice di parcheggiare la moto in spazi ridotti

Moto: HONDA CBF 600

HONDA CBF 600
Una moto per tutti!

HONDA CBF 600Elena, 17 anni, ha cominciato da poco ad appassionarsi di motociclismo: cerca su riviste e su internet suggerimenti e consigli per l’acquisto della prima moto e ci chiede un parere sulla nuova Honda CBF 600, motocicletta dichiarata come adatta ai principianti, alle donne, a chi torna alla moto dopo tanto tempo.
Abbiamo subito telefonato alla Honda per chiedere una prova su strada della nuova 600 giapponese e, già che c’eravamo, anche della sorellina più piccola anch’essa appena uscita, la Cbf 500.
Carlo Sabbatini, responsabile pr Honda Italia, ci conferma appunto che con queste moto la Honda ha voluto rivolgersi soprattutto a un pubblico di principianti, donne, e motociclisti di ritorno. Ovvio che si parla di donne per via del fatto che al momento la maggioranza di loro rappresentano un pubblico di prime utenti, non significa che ci sono “moto da donna”. Sapete ormai come la pensiamo sull’argomento: la moto da donna non esiste.

HONDA CBF 600Una moto per tutti!
Tranquilli, non è un nuovo slogan elettorale in cui si promette il sogno di ogni motociclista per raccogliere voti. E’ che la CBF 600 nasce per soddisfare varie esigenze: muoversi in città in maniera comoda, godersi un viaggio in tutta sicurezza, divertirsi la domenica sulle stradine tutte curve senza necessità di affaticarsi.
Economica nella gestione, protettiva grazie alla semi-carena, rispettosa delle normative antinquinamento, maneggevole e divertente, ha in più la possibilità di regolare sella, manubrio e parabrezza a seconda della nostra statura, e non ultimo è disponibile l’abs per evitare il bloccaggio della ruota in frenata.
Ma andiamo con ordine.

HONDA CBF 600La Cbf 600 deriva dalla Hornet, da cui prende il motore a 4 cilindri, addolcito però per privilegiare la coppia rispetto alla potenza massima. I 96 cavalli della naked diventano perciò sulla Cbf circa 77: distribuiti in modo da avere maggiore coppia ai bassi regimi (ovvero nell’uso medio) e godersi una guida ancora più armonica. Il motore è fluido, dolce, non strappa mai, ideale quindi per chi guida una moto per la prima volta. Dà una confidenza immediata, non spaventa, e ciononostante - quando si acquisisce un po’ di esperienza - abbiamo ancora una moto molto divertente da guidare.
HONDA CBF 600Frizione e cambio funzionano molto bene e la qualità dei comandi è un aspetto che conta molto soprattutto per chi comincia: la Cbf 600 è una moto che perdona anche gli errori del principiante.
Se aggiungiamo un buon impianto frenante e sospensioni più che dignitose, vediamo subito che – nonostante il prezzo sia quello di una moto cosiddetta “entry level”, ovvero di fascia bassa - stiamo comprando una vera motocicletta, di quelle che con cui potremo divertirci a lungo.

Ergonomia e aerodinamica
A seconda di quanto si è alti, della lunghezza delle gambe e delle braccia, possiamo regolare l’avanzamento del manubrio, l’altezza della sella e quella del parabrezza.
HONDA CBF 600Con 169 cm. di altezza, con la sella nella posizione più bassa, si tocca completamente con i piedi a terra, vale a dire che con un’altezza di 160 cm. si riesce a toccare mediamente con la parte anteriore del piede e ad avere una discreta sicurezza in sella alla moto da ferma. La sella infatti è regolabile su tre posizioni: 770 mm, 785 mm e 800 mm di altezza. Inoltre, alzandola, la sella si sposta anche all’indietro (di circa 1 cm), dal momento che i più alti hanno anche braccia più lunghe. La Honda assicura che tutti, dai 157 ai 190 cm di altezza, possono trovare una posizione di guida comoda e non affaticante e possiamo confermarlo.
Si tratta di regolazioni piuttosto semplici, che richiedono una chiave a brucola e una decina di minuti al massimo. In questo modo si riesce a ottenere una posizione ottimale di guida che, insieme alla semicarena molto protettiva, assicurano anche una ottima aerodinamica e quindi migliori consumi. 19 litri è la capacità del serbatoio (di cui 3,5 di riserva), 18,8 km/l il consumo su strade extraurbane. Quindi prima di 250 km non vedremo accendersi la spia della riserva. Fate attenzione però, perché manca l'indicatore del livello carburante!

HONDA CBF 600Ambiente e sicurezza
La CBF 600 rispetta la normativa antinquinamento euro 2 grazie al catalizzatore e al sistema AIS per l'immissione di aria fresca nei gas combusti.
Con 600 euro in più si può acquistare la versione equipaggiata con il cavalletto centrale e il sistema ABS. Cosa vuol dire guidare con il dispositivo anti-bloccaggio? Vi siete mai trovate a frenare disperatamente, con le ruote che si bloccano e la moto che scivola senza controllo? Ecco, l’Abs fa sì che in caso di frenata molto brusca le ruote non si blocchino, regolando elettronicamente il freno e consentendo di evitare l’ostacolo. Pensavo fosse una sciccheria da gran turismo che non avrei provato nel test, fino a che la classica macchina davanti… La moto non si è scomposta di una virgola, sembrava un cartone animato dove l’audio non combaciava col video. La frenata c’è stata eccome, ma la relativa sbandata e perdita di controllo no. Molto bello.

Comodità
Gli accessori originali che possiamo comprare per aumentare il comfort di questa moto sono: il bauletto posteriore da 45, il cavalletto centrale (di serie sulla versione con ABS), la borsa magnetica da serbatoio da 13 litri.

La guida
HONDA CBF 600 Un buon raggio di sterzo e il peso ben bilanciato fanno sì che manovre come inversioni a U, curve strette, incroci in pendenza, non diventino traumi indimenticabili per il principiante. Il motore molto fluido che non strappa mai e con una buona coppia ai bassi regimi dà la sicurezza di esserci sempre in tutte le situazioni in cui serve, anche se non siamo espertissimi nel dosare il gas. La moto è equilibrata e maneggevole e anche il pneumatico posteriore più stretto rispetto a quello della Hornet (160/60 anziché 180/55) aumenta l’agilità di questa moto. In poche parole: non mette soggezione nel traffico, è godibilissima sulle stradine di campagna, dove potete allegramente divertirvi e passeggiare seguendo i vostri amici anche dalle moto più potenti senza nessun problema e fatica, avete la sicurezza della qualità Honda in termini di freni, cambio, frizione e sospensioni, e – volendo – anche l’abs.
Cosa chiedere di più? Ah sì, anche esteticamente la Cbf600 non rivoluziona certo le linee e il gusto, ma mantiene un gradevole equilibrio di forme e colori.

Comparativa: Il prezzo della CBF600 è 7.021 euro (7.621 la versione con ABS e cavalletto centrale), il peso dichiarato è di 198 kg, mentre 770 mm è l’altezza della seduta (con la sella in posizione più bassa). Se siete orientati verso una moto come la Cbf 600, cosa trovate sul mercato come concorrenti? Analizziamole brevemente per aiutarvi nella scelta

Impressioni di viaggio: Se dovessi raccontarvi come mi è sembrata quella giornata trascorsa in sella alla nuova Honda Cbf600, a zonzo per i colli intorno al lago di Bracciano, con mia figlia Irene come zavorrina, vi suggerirei intanto di cominciare canticchiando "Sì, viaggiare" di Battisti e di lasciarvi trasportare da quelle facili note, più o meno così... (Alex)

Passeggero: le note di un passeggero particolare, Irene, 9 anni.

Gallery fotografica: altre foto

testi di Paola Furlan e Alessandra Sisto, foto di Fabio Lagatta e Alessandra Sisto

vedi anche il sito Honda Italia e la presentazione della moto appena uscì

Motocicliste ® 2000