Motocicliste
 
Login | Registrati |condividi su  

home page

La prima moto
come sceglierla
I modelli
quali le moto più adatte per cominciare
Le modifiche
- le prime difficoltà e come possiamo adattare la moto alle nostre esigenze
- Il cavalletto Ducati

Le nostre prove
ecco le moto che abbiamo provato

Database moto
il catalogo con dati e foto delle moto più diffuse

Meccanica 
corsa, alesaggio, pistoni...
Noleggio
Dove noleggiare una moto
Usato
suggerimenti per l'acquisto di moto usate

Accessori
curiosità

Carrelli e furgoni
cosa scegliere se si ha necessità di trasportare la propria moto?
Parcheggio
Bikeshuttle: il modo semplice di parcheggiare la moto in spazi ridotti
Moto: HONDA CBR 600

HONDA CBR 600 - paola

Modello: Cbr 600 del 93, acquistata usata nel 98

Modifiche particolari: Forcella modificata - Mono Ohlins - Collettori e scarico modificati supersport - Terminale in fibra di carbonio e kevlar - Motore supersport - Raccorderia impianto frenante in ergal con valvola di spurgo - Tubi freno in treccia metallica (mi pare tutto: queste modifiche non le ho fatte fare io, era cosi' quando l'ho comprata).
Io, per parte mia, le ho invece cambiato il look, comprando i pezzi di una carena (usati ma perfetti, mi sembra sulle 600.000 lire) e facendo riverniciare il serbatoio nei colori ufficiali: bianco rosso e blu (350 mila). Inoltre le ho messo un antifurto elettronico.

Difetti riscontrati: un paio di volte mi ha mollato per strada che non voleva riaccendersi, ma era l'antifurto che tendeva a scaricare la batteria. Problema risolto. Ultimamente, si è rotto il regolatore (che sovraccaricarava la batteria): sostituito (Lit. 354.000 il solo pezzo).

Caratteristiche: non ho molta esperienza, ma la caratteristica particolare di questa moto e' che e' facile e intuitiva. E' la mia seconda moto, prima avevo una ER-5, ma appena salita sul Cbr non ho avuto nessuna difficoltà. Al contrario, il 4 cilindri (rispetto al bicilindrico, sia pure dell'ER-5) e' piu' facile da gestire, specie quando scali, quando il freno motore non agisce cosi' violento e cambiare e' molto piu' fluido.
Da principante forse la corsa del gas cosi' corta da' qualche problema di controllo (ma quella di serie credo sia normale), e di sicuro ha un raggio di sterzo che non la rende maneggevolissima nelle manovre da ferma. In compenso, guidarla e' davvero facile (le amiche che l'hanno provata si sono trovate tutte subito  incredibilmente a loro agio :-); ti perdona qualunque cosa, e di errori ne ho fatti, ha tanto motore da tirarti fuori in qualunque situazione.
Naturalmente non ama il fuoristrada (come me :-), non soffre particolarmente i bassi regimi (pur preferendo quelli alti :-). Freni nella media, ottime sospensioni (ma non sono quelle originali).
E' piuttosto bassa (io sono alta 1.68 e tocco benissimo), corta - cosi' che anche le braccia al manubrio (un po' piu' bassino rispetto alle turistiche) arrivano tranquillamente senza sforzo.

Uso: quotidiano in città, gite fuori porta, qualche uscita a lungo raggio, qualche uscita in pista.
La citta' non e' proprio il suo ambiente ideale, ma soprattutto per via della paura di lasciarla incustodita... essendo un modello molto appetito dai ladri, purtroppo! Ma nei giretti domenicali e in pista da' il meglio di se'. Tanti cavalli, leggerissima e facile da spostare nelle curve, avantreno preciso che basta girare la testa in direzione della curva e lei piega da se' :-)))
In viaggio non e' il massimo, io non ho montato il portapacchi, sicche' non ho molto spazio per i bagagli, che metto sulla sella posteriore in uno zaino legato col ragno.

Problemi: l'angoscia del furto.

Velocita': credo di aver raggiunto 180-190km/h come velocita' massima per brevi istanti in autostrada, e credo potrebbe fare di piu', ma non mi piace granche' tirare veloce. Pero' viaggeresti benissimo a 160, tutta dentro la carena senza problemi di vento anche per 2/300 km senza accorgertene... se non ci fossero i limiti naturalmente!

Consumi: non ho mai verificato

Manutenzione ordinaria: io non gliene faccio nessuna, e' allucinante lo so! La porto ogni 4/5 mesi circa dal mio meccanico, gli da' un'occhiata, controlla i liquidi, il grasso sulla catena (potrei farlo da sola ma mi piace andare spesso in officina... se ricominciassi da capo mi piacerebbe diventare meccanica :-), e gli fa una messa a punto. L'ultima volta mi ha insegnato a regolare le sospensioni, piu' morbide in citta', piu' dure in
pista. In tutto, da due anni che ce l'ho, ho cambiato la batteria appena l'ho comprata e ultimamente le candele. Per i tagliandi non spendo mai piu' di 100 mila lire.

Gomme: adessso monta le Bridgestone BT56SS, pressione 2 avanti, 2.3 dietro. Vanno bene, ma ho poca sensibilita' per fare confronti.

Conclusioni: una splendida moto, che ti insegna una guida un po' sportiva, ma che puoi usare abbastanza anche normalmente. Facile da portare, intuitiva, leggera. Non so se adattissima per imparare a fare i primi passi (ma chiedete a Yvette!), sicuramente una moto che puo' essere portata da tutti senza difficolta' e... con grandi soddisfazioni.
(Paola)

HONDA CBR 600 - yvette

Premessa doverosa: sono alta 174cm, il che mi consente di toccare agevolmente con tutto il piede perciò non ho grandi difficoltà neppure sulle enduro. Ho deciso di cominciare con una moto sportiva perché volevo una moto che crescesse con me e mi consentisse magari di provare anche l'ebbrezza della pista.
Il CBR600 è una moto maneggevolissima e facile, nel senso che è fluida anche ai bassi regimi e ti segue mentre la guida migliora, consentendo di divertirsi il giusto a seconda dell'esperienza di guida. Al di sotto dei 7000 giri è una specie di scooterone docile e tranquillo, al di sopra si trasforma in una belva assetata di curve e staccatone. È molto equilibrata, perciò la si conduce in curva con semplicità e perdona anche gli errori (non macroscopici, mi raccomando) della principiante.
Ha un peso ragionevole, nel senso che se capita di fare manovra si sopravvive senza perdere 5kg in sudore; ha però lo svantaggio di un raggio di sterzo irrisorio che obbliga a manovre complicate e nel traffico cittadino penalizza un pò. La posizione di guida è abbastanza avanzata ma non estremamente caricata sui polsi. Certo, dopo 20 minuti nel traffico caotico e intricato con velocità media 2km/h, diventa faticosa, ma non dimentichiamo che non è nel suo habitat :)
Ha un'ottima ripresa, perciò i sorpassi si eseguono con tranquillità: nel dubbio, basta scalare una marcia e lei schizza avanti decisa.
La velocità massima non la conosco, per parte mia ho sperimentato i 160km/h in autostrada per pochissimo, ma mi assicurano che va mooooltooooo di più. Il cupolino offre sufficiente riparo alle velocità autostradali, per cui la forza dell'aria non si sente molto.
Ha un peso accettabile anche per metterla sul cavalletto centrale, mentre il laterale mi crea un pò di ansia perché mi sembra troppo "verticale" e instabile.
I freni sono affidabili e ben dimensionati, certo che cominciando occorre prestare attenzione alla forza con cui si frena soprattutto con l'anteriore. Il freno motore è un ottimo aiuto per dosare le frenate e l'arresto, in quanto non è brusco e potente. Un grosso difetto della mia (anno 1993) è che non ha vano sottosella, perciò occorre munirsi di ragno e/o borsa/zainetto per le piccole cose che servono sempre. Il modello attuale prevede un piccolo vano sottosella dove almeno il lucchetto ad U pare che trovi posto. Per quanto riguarda i furti...non avendo posto dove mettere catene/bloccadischi/ecc...ho optato per un antifurto elettronico. Secondo me la tranquillità che fornisce vale la spesa.
Buon divertimento.
(Yvette)

Vedi anche:

 

Motocicliste ® 2000