Motocicliste
 
Login | Registrati |condividi su  

home page

La prima moto
come sceglierla
I modelli
quali le moto più adatte per cominciare
Le modifiche
- le prime difficoltà e come possiamo adattare la moto alle nostre esigenze
- Il cavalletto Ducati

Le nostre prove
ecco le moto che abbiamo provato

Database moto
il catalogo con dati e foto delle moto più diffuse

Meccanica 
corsa, alesaggio, pistoni...
Noleggio
Dove noleggiare una moto
Usato
suggerimenti per l'acquisto di moto usate

Accessori
curiosità

Carrelli e furgoni
cosa scegliere se si ha necessità di trasportare la propria moto?
Parcheggio
Bikeshuttle: il modo semplice di parcheggiare la moto in spazi ridotti
La mia moto: quattro chiacchiere su...

KAWASAKI ER 5

  • Dati tecnici:
    Motore 4 T, bicilindrico
    6 rapporti
    Altezza sella 660 mm
    Peso a secco 174 kg
    Freno anteriore a disco, posteriore a tamburo
    Potenza massima 50 cavalli
    Velocità 185 km/h

"Caspiterina, ti sei comprata la moto DA DONNA migliore che ci sia sul mercato!"
In questo modo mi si è avvicinato un tizio l'altro giorno, in sella ad un vecchio BMW 1000. evidentemente una vera moto da uomini! Inutile dire che non ho nemmeno alzato lo sguardo verso di lui per non essere scortese. Però quel tipo una cosa la aveva azzeccata: la mia moto mi calza proprio a pennello. Sembra fatta a posta per me. L'ER-5 è una moto molto facile, leggera, adatta a persone di statura non troppo alta per la sua impostazione di guida. Non potentissima, ti permette comunque di toglierti qualche soddisfazione su strada. Pennella le curve con dolcezza, è docile ma molto divertente. Perdona molto anche a chi non è un mago dell'equilibrio e non ha una grande esperienza alle spalle. Dal primo momento che sono montata in sella l'ER mi sono trovata a mio agio.
La moto è abbastanza bassa (660 mm) da permettermi di appoggiare bene in terra entrambi i piedi (sono alta 1,62 m). Risulta comoda anche nelle manovre da fermo, in sella o spingendola. Ottimo il raggio di sterzata in città, e comodissimo il cavalletto centrale oltre alla stampella laterale. Un pregio non trascurabile della moto è il suo ottimo rapporto qualità-prezzo. Per essere una delle più economiche della sua categoria, le finiture sono molto buone. Buona la strumentazione composta da tachimetro, contagiri, contachilometri totale e parziale, spie delle frecce, abbaglianti, neutro, olio e liquido di raffreddamento. La strumentazione è molto piacevole da vedere, inoltre è ben illuminata di notte. Si fa desiderare invece la spia di riserva del carburante, anche perché il livello fa affidamento su un galleggiante ed è assolutamente impreciso. Il raffreddamento a liquido, con il suo ampio radiatore, permette di percorrere lunghi tratti anche al caldo senza che il motore si affatichi. In città si mette in funzione anche la ventola. Unico difettuccio: è silenziosissima!

Consumi: I consumi sono ottimi. Con un litro di benzina verde percorre circa 23 chilometri, senza risparmiare forti accelerate e tirate sui rettilinei. Il consumo d'olio è irrisorio. Dopo 4000 chilometri dall'ultimo cambio, il livello è sempre al massimo. Idem per il liquido di raffreddamento, mai fatto un refill. Non posso dire nulla invece circa il consumo ad alte velocità, per esempio in autostrada: la mia ER ha visto finora solo strade secondarie e tante curve.

Velocità: Dicono che faccia i 185 km/h …chissà se lo scoprirò mai! Posso assicurare che arriva a 150, con il passeggero.

Freni: Qui arriva l'unica nota dolente: un unico disco anteriore, il tamburo posteriore. Inutile dire che l'impianto frenante non ha prestazioni da urlo, anche se funziona bene. Il disco singolo anteriore "tira" un pochino nelle frenate brusche.

Spazi: Nel vano sottosella è possibile riporre un bloccadisco, un paio di pantaloni impermeabili di nylon leggero, un ragno. Vi è anche una bustina con gli attrezzi principali fornita dalla casa. Molto comodi i quattro ganci per attaccare il ragno all'altezza del sellino posteriore.

Tagliandi: Il primo dopo 1000 km, i seguenti di 6000 in 6000.
Non molto costosi: Lit. 120.000 + le spese del materiale (nella fattispecie l'olio motore).

Problemi: Nessun problema finora. Cerco di trattarla al meglio per essere ricambiata!

(Fefù)

 

500, stradale, bicilindrica, nuda.
È stata la mia prima moto. Mai guidato nulla più che un motorino prima di allora. Ed è stato facilissimo.
È bassa, sella stretta, arrivavo perfettamente coi piedi a terra (io sono 1.69 cm).
Maneggevole nelle manovre, molto versatile e agile in curva.
La usavo in città tutti i giorni, i fine settimana in giro, qualche viaggetto (Sardegna, Germania), una volta anche in pista: in tutto 25 mila chilometri, mai nessun problema.
È una moto molto onesta nel complesso, costa poco, ed è versatile: sempre accesa tutte le mattine al primo colpo, mai fermata, mai una perdita, ecc.
Ci avevo montato un parabrezzino e, in autostrada in due, andava fino a 140 km/h senza nessun problema di aerodinamica, forse anche qualcosa in più. La velocità massima a cui l'ho portata, in autostrada da sola, è 170/180, ma per brevi tratti (non è certo una sportiva).
L’assetto di guida è molto comodo: io ci ho viaggiato lunghe ora sopra senza stancarmi. In un anno e mezzo e 25 mila km mai dato un problema.
Oltre ai tagliandi, ho sostituito i pneumatici intorno ai 15 mila km.
Uniche pecche: un solo freno a disco davanti (e dietro a tamburo) e sospensioni di non eccelsa qualità (intorno ai 19.000 km le ho cambiate con le Bitubo e tutto è andato a meraviglia).

(Paola)

Motocicliste ® 2000