Motocicliste
 
Login | Registrati |condividi su  

home page

La prima moto
come sceglierla
I modelli
quali le moto più adatte per cominciare
Le modifiche
- le prime difficoltà e come possiamo adattare la moto alle nostre esigenze
- Il cavalletto Ducati

Le nostre prove
ecco le moto che abbiamo provato

Database moto
il catalogo con dati e foto delle moto più diffuse

Meccanica 
corsa, alesaggio, pistoni...
Noleggio
Dove noleggiare una moto
Usato
suggerimenti per l'acquisto di moto usate

Accessori
curiosità

Carrelli e furgoni
cosa scegliere se si ha necessità di trasportare la propria moto?
Parcheggio
Bikeshuttle: il modo semplice di parcheggiare la moto in spazi ridotti

MOTO: HONDA HORNET 600 (2003)

LA NUOVA HONDA HORNET 600 (modello 2003)
L'avevamo vista alla presentazione a Bologna con Valentino Rossi, e adesso eccola su strada

UN CALABRONE NERO TIRATO A LUCIDO

Ho contato i giorni da quella telefonata: “Alessandra? Ciao sono della concessionaria Honda, la tua prova della Hornet è confermata per mercoledì sera alle 18.00”. Ed è dal giorno della sua presentazione che non aspetto altro.
Oggi finalmente mi sono tolta lo sfizio: ebbene sì, l’ho provata!
Arrivo dal concessionario un po’ in anticipo, parcheggio il mio fido CB500 e scendo. Si sta facendo buio, ma ho ancora un po’ di tempo per fare qualche foto prima che arrivi il mio turno. Mi faccio strada tra le moto in esposizione, il calabrone che mi aspetta è nero. – Bene, penso, il nero le si addice. Guarda caso, nel salone c’è anche una Hornet “vecchio modello” (fa impressione detto così!). Vediamole da vicino e svisceriamo questo tanto atteso restyling.
Iniziamo dall’anteriore: effettivamente il nuovo faro a doppia lampada con lente convessa fa la sua bellissima figura, mentre mi convince un po’ meno il suo supporto in alluminio satinato. La sua strana forma sembra quasi fuori luogo. La strumentazione mantiene la sua simmetria e i colori, ma diventa più funzionale con la spia per la riserva e il display digitale per il contakm, mentre alcune spie trovano un nuovo alloggiamento (tra tachimetro e contagiri); il tutto inserito in una cornice nero/argento che richiama i colori del faro. Personalmente questo dettaglio lo preferivo ancora nella versione cromata.
Gli specchietti rettangolari, ripresi dalla sorella maggiore, le conferiscono un’aria più seria, ma li trovo comunque adeguati al nuovo look più spigoloso.
E arriviamo al serbatoio, che sfoggia finalmente un nuovo tappo integrato: a quanto pare i proprietari di Hornet non erano molto soddisfatti del fatto che si dovesse togliere restando attaccato alla chiave… e non avevano apprezzato l’innovazione. Honda torna dunque sui suoi passi e per il nuovo calabrone copia il funzionale tappo a CBR e CB. Il serbatoio è più capiente e più spigoloso, somiglia molto a quello della Hornet 900. La fiancatina in plastica nera opaca sottolinea un garbo lievemente differente dalla versione precedente… ma la novità non è tanto lì.
E’ nel posteriore che si notano i cambiamenti più vistosi. Nell’insieme la moto sembra più alta, il codone punta decisamente verso l’alto, con un finale sottile e affilato che nasconde abilmente il faro posteriore. Una volta di più la Honda ha dimostrato la sua attenzione nella cura dei dettagli e delle linee.
Lo scarico ha un’aria più cicciotta, ma è solo un’impressione data dal fatto che termina a “fetta di salame”. Per finire, il sellone è stato ridisegnato per dare maggior comfort al passeggero (ma questo lo potrò verificare la prossima volta…) mentre una sorpresa, che forse era passata in sordina, la troviamo nel portatarga, che ora accoglie anche la chiusura per accedere al vano sottosella (anche qui il richiamo al CBR è evidente), che nella versione precedente era proprio in coda, sotto al maniglione.
E’ ora di montare in sella. Il ragazzo del concessionario mi affida le chiavi e mi fa cenno di seguirlo.
La prima impressione – sorpresa! – è che sia quasi più bassa del mio CB, e anche più piccola di quanto sembri guardandola dal di fuori. Giro la chiave. Le lancette di tachimetro e contagiri mi danno il benvenuto. La posizione di guida sembra comoda. L’unica differenza che noto con la mia è il manubrio più largo e la manopola del gas moooolto morbida. J
Il fruscìo del quattro cilindri Honda mi cattura. E’ il sussurro di una sirena che ti chiede di farla cantare. E allora cantiamola insieme la sua canzone! Si parte…
Il primo impatto sulla strada è col traffico del rientro. Ci infiliamo come zingari tra le sardomobili incolonnate. Qui bisogna frenare e accelerare in modo repentino, e lei c’è sempre: la ripresa è pronta e fluida, il cambio, come al solito, è preciso e pulito. Mi incanta la pinzata col doppio disco sull’anteriore, ma forse è un retaggio che mi porto dietro dal freno del CB, che ha un solo disco. La differenza si sente, eccome!
Svicolando nel traffico, mi accorgo di quanto sia diversa dalla mia, che si muove più agilmente, essendo più leggera e avendo gomme più strette, ma è anche meno stabile. La Hornet invece entra in curva dolcemente, una volta impostata la traiettoria la pennella che è un piacere e tiene molto meglio la strada, perdonando anche gli errori più grossolani.
Finalmente il traffico si dirada e in quegli allunghi che mi sono permessa apro il gas fino a sentire la coppia, verso i 9.500 giri. Non so a quanto sto andando, so solo che ogni tanto cerco di guardare la strumentazione, ma il rosso retroilluminato sullo sfondo bianco non lo trovo molto funzionale.
Tutti gli altri comandi sono invece rimasti invariati e sono tutti a portata di “dito”, anche gli specchietti, la cui visuale è ottima. La posizione in sella rimane davvero molto comoda: pedane non troppo arretrate, leva del cambio lievemente più in basso rispetto al mio CB, ginocchia bene inserite nell’incavo del serbatoio, sella abbastanza lunga da permettere di scivolare indietro per assumere una posizione più aerodinamica.
Ormai è ora di tornare all’ovile, è buio e il grosso faro tondo fa il suo dovere; forse è un’impressione, ma mi pare che illumini molto bene anche i lati della carreggiata.
Parcheggio, spengo la moto e scendo soddisfatta di questa prima passeggiata. Magari avrei voluto portarla su un tracciato più sinuoso, ma non si può avere tutto… ogni cosa a suo tempo.
Intanto so che lei mi aspetta per un secondo appuntamento, stavolta in pista, a Vallelunga per l’Honda Day.
Ritorno al mio fido CB, lo slego e me lo coccolo un po’. Non ho ancora intenzione di tradirlo, ma mi sono accorta che gli devo assolutamente cambiare il manubrio… è ancora un po’ storto, risultato dell’ultima scivolata! :-)

Roma, mercoledì 5 marzo 2003

Alex (Skritch)

La Hornet 600 provata da Alex è stata gentilmente messa a disposizione dalla Samoto di Roma

HONDA HORNET mod. 2003

HONDA HORNET 600 HONDA HORNET 600 HONDA HORNET 600
HONDA HORNET 600 HONDA HORNET 600 HONDA HORNET 600

confronti

modello precedente
modello 2003
Motocicliste ® 2000