Motocicliste
 
Login | Registrati |condividi su  

home page

La prima moto
come sceglierla
I modelli
quali le moto più adatte per cominciare
Le modifiche
- le prime difficoltà e come possiamo adattare la moto alle nostre esigenze
- Il cavalletto Ducati

Le nostre prove
ecco le moto che abbiamo provato

Database moto
il catalogo con dati e foto delle moto più diffuse

Meccanica 
corsa, alesaggio, pistoni...
Noleggio
Dove noleggiare una moto
Usato
suggerimenti per l'acquisto di moto usate

Accessori
curiosità

Carrelli e furgoni
cosa scegliere se si ha necessità di trasportare la propria moto?
Parcheggio
Bikeshuttle: il modo semplice di parcheggiare la moto in spazi ridotti
La mia moto: quattro chiacchiere su...

CAGIVA RAPTOR

Ho provato questo gioiellino di moto. Soggettiva la parte estetica, ma favolosa da guidare.
Andiamo con ordine.

Altezza: io sono bassa 1,60 m e, come molte altre, ho qualche problema con le moto alte. Quando sali sulla Raptor, hai un senso di potere assoluto. Si arriva al terreno con tutti e due i piedi e si riesce ad appoggiare tutto il piede, quindi manovre, equilibri e strane sorprese non saranno più un problema. Altezza sella 770 mm.

Ciclistica e gomme: il telaio è simile a quello del Monster, ma migliore. Più malleabile e meno scorbutico. Forcella a steli rovesciati e mono idraulico posteriore. Gommone da 180 al posteriore.

Motore: è il motore bicilindrico del Suzuki TL1000, una vera belva. 996 cc di potenza, controllata e minimizzata dall'airbox e dagli scarichi. Si sente abbastanza chiaramente che il motore esagerato è comunque soffocato forzatamente (per poter avere tutte le omologazioni). Il motore non strappa, è fluido e gestibile fino a 4.500 oltre i quali è necessario saper dosare il gas, altrimenti ci si ritrova a velocità da arresto. Risolti in maniera stupefacente (anche grazie all'iniezione elettronica) i problemi (o caratteristiche a piacimento) del Monster, il freno motore c'è, ma è gestibile ed è scomparso lo strattonamento in partenza dato dalla coppia ai bassi e dall'erogazione particolare Ducati.

Su strada: in curva tiene alla grande, non solo sul misto stretto, ma anche sui lunghi e veloci curvoni delle tangenziali milanesi. Nonostante il corto interasse (1.440), non ci sono eccessivi ondeggiamenti nemmeno a velocità sopra i 200 km/h. Corta e divertente, gestibilissima anche da un principiante, visto anche il peso non eccessivo (192 kg). Il serbatoio, che sembra molto alto rispetto al resto della moto, anche se pieno (18 litri) non influisce minimamente sulla guida.

Consumi: anche i consumi sono abbastanza ridotti: su un percorso misto, città, autostrada con tirate e campagna, l'autonomia è di circa 14 km con un litro, che si riduce molto se non si esagera con la manetta.

Freni: due dischi da 298 mm con pinze Brembo, un impianto che funziona alla grande.

Strumentazione: la strumentazione è all'osso, contagiri analogico triangolare di facile lettura, tachimetro, contachilometri e temperatura sul display digitale.

Aerodinamica: la protezione aerodinamica è apprezzabile (ricordo sempre il mio 1,60 di altezza) fino a 170/180 km/h, dopo, bisogna impegnare i muscoli del collo. Non chiedetemi come, ma quel triangolino di strumenti riesce a deviare il flusso dell'aria in modo che non dia troppo fastidio.

Difetti: mmmhhh... ben pochi, almeno in questi due giorni: uno è che non c'è spazio sotto la sella, se non quello per i documenti e di un piccolo bloccadisco. Altro difetto (immaginario, perché non provato) è il passeggero, non credo che stia molto comodo... sicuramente meglio che sulla mia Bubu!

Prezzo: 18.300.000 lire, è più che giustificato per la moto più facile e divertente che abbia mai guidato.
E per chi non vuole buttarsi sul 1000... uscirà anche la versione 650 che sfrutterà il motore dell'SV650.
Non c'è che da aspettare per provare anche quella!
Per chi è indeciso su che moto comprare... beh, andate a dare un occhiata in qualche concessionario Cagiva o sul sito www.cagiva.it

(Cimina)

Sulla Raptor, vedi anche la scheda News Intermot

Motocicliste ® 2000