Motocicliste
 
Login | Registrati |condividi su  

home page

La prima moto
come sceglierla
I modelli
quali le moto più adatte per cominciare
Le modifiche
- le prime difficoltà e come possiamo adattare la moto alle nostre esigenze
- Il cavalletto Ducati

Le nostre prove
ecco le moto che abbiamo provato

Database moto
il catalogo con dati e foto delle moto più diffuse

Meccanica 
corsa, alesaggio, pistoni...
Noleggio
Dove noleggiare una moto
Usato
suggerimenti per l'acquisto di moto usate

Accessori
curiosità

Carrelli e furgoni
cosa scegliere se si ha necessità di trasportare la propria moto?
Parcheggio
Bikeshuttle: il modo semplice di parcheggiare la moto in spazi ridotti

Moto: HONDA VFR

HONDA VFR
Entusiasmante!

HONDA VFRLa prima impressione è che quei semi manubri bassi la rendano troppo sportiva per i miei gusti turistici, ma mi basta salire in sella ed afferrarli e mi accorgo subito che era, appunto, solo un’impressione. La posizione è comodissima, la schiena è piegata il giusto e i polsi non si affaticano.

Metto in moto. Ma non era un quattro cilindri a V di 90 gradi? Dal sommesso rumore che viene da sotto il serbatoio sembra una bicilindrica… Comunque sia, tiro la morbidissima frizione idraulica e metto la prima, che entra senza un rumore. Un poco di gas e il motore fa le fusa, mollo la frizione e la moto va. Il feeling è immediato (“ma io ho sempre portato questa moto???”), fatti pochi metri mi sembra che sia stata per anni nel mio garage e non invece un modello appena provato.

HONDA VFRIn strada affronto le prime curve. La progressione è morbida, senza gli strappi di certi quattro cilindri, le marce entrano una dopo l’altra e il contagiri comincia a giocare. Intorno ai 7000 giri sento per la prima volta entrare in funzione la seconda coppia di valvole. Cambia un poco il rumore, ma tantissimo il motore: sembra entrato in funzione un turbo! La moto cambia carattere: da tranquilla turistica, docile e pronta anche ai bassi regimi, ad una sportiva scattante e reattiva. Cerco di essere pacato nel mio giudizio, ma dentro di me penso: entusiasmante!

HONDA VFRLa moto è agile sul misto, pronta a scendere in piega, rapida a risalire, veloce nel cambiare direzione. La frenata integrale, gestita dal Dual-CBS, ha bisogno di qualche momento per essere apprezzata appieno, ma una volta capito il funzionamento mi accorgo che anche nelle frenate più brusche la forcella non affonda troppo e la moto rimane manovrabile. In curva posso azzardare un leggero tocco del freno posteriore per correggere la traiettoria.

La protettività della carena e del parabrezza è buona e solo se si è più alti di un metro e ottanta si può avvertire qualche vortice all’altezza del casco se si mantiene una posizione eretta. Mi abbasso appena un poco per uscire dal flusso d’aria.

HONDA VFRScendo, la guardo… il davanti ricorda quello di uno scooterone, mentre dietro i due bellissimi scarichi sotto il codone le danno un’eleganza molto racing… Dottor Jeckil e mister Hide: una superturistica facile da guidare, confortevole, adatta ai meno esperti, splendida per viaggiare anche con passeggero, e una sportiva gustosissima, entusiasmante per i più smaliziati.

Dagli 11.600 ai 12.700 euro (nella versione con ABS e sospensione posteriore con regolazione idraulica).

FL

Motocicliste ® 2000