Motocicliste
 
Login | Registrati |condividi su  

home page

Pilote
- le pilote italiane e straniere impegnate nei campionati
IUSM
un progetto di ricerca con Motocicliste
Link
I siti di pilote

Professione meccanico
Jessica Campos Ruiz

Pilote italiane

Maria Catalano

"Nel 1989 quando la finlandese Taru Rinne fu la prima a partecipare al Mondiale di motovelocità, alla notizia si diede ampia risalto, visto che con i motori erano poche le donne al via delle manifestazioni più importanti. Poi fu la volta della giapponese Tomoni Igata nel 1995 sempre nelle due ruote, fino ad arrivare al successo di un mese fa alla Parigi-Dakar di auto della tedesca Jutta Kleinschimidt e all'annuncio di qualche settimana fa dell'altra tedesca Katja Poensgen di portarsi al via con l'Aprilia 250 nel prossimo Mondiale di motovelocità.

E l'accoppiata donna-moto trova anche in Sicilia proseliti, con una grintosa palermitana, Maria Catalano, che oltre ad inseguire una laurea in Psicologia, insegue il sogno segreto di battere i maschietti nelle gare di velocità.
Maria, 28 anni, lo scorso anno aveva fatto le sue prime apparizioni nelle prove regionali di Pergusa con una Yamaha R6 del team Mancuso, correndo per il giovane Moto Club Panormus di Francesco Corrente. Quella che doveva essere solo un episodio, s'è invece tramutato in amore viscerale per le due ruote, con Maria che è rimasta incantata dalle prodezze del catanese Nuccio Zerbo, numero in Sicilia e s'è fatta convincere a continuare l'avventura.

«Da Nuccio, che è il pilota al quale mi ispiro - ci dice Maria - ho cominciato a farmi rivelare i «trucchi» del mestiere e sono andata anche a correre a Magione, Mugello e Bari. Ho sempre visto tanti piloti davanti, ma queste esperienze maturate nelle prove in Sicilia e sui circuiti nazionali, mi sono serviti parecchie. Non sono giovanissima, ma sono convinta che già quest'anno posso fare meglio. La due ruote le ho avute sempre nel sangue, ma non ho mai avuto il coraggio di andare in pista e confrontarmi con gli altri».

Maria adesso è decisa a dare filo da torcere a tutti nel prossimo campionato regionale, oltre a continuare le avventure tricolori, visto che grazie a Nuccio Zerbo ha avuto la possibilità di conoscere un altro suo idolo: Loris Capirossi.

«E' stata una esperienza unica lo scorso anno a Bari - ci dice entusiasta Maria - poter conoscere un grande campione come Capirossi. Sul circuito pugliese con due «maestri» come Nuccio e Loris ho scopert parecchie cose nuove che il prossimo anno metterò in atto».

Intanto, quest'anno Maria vuole laurearsi in Piscologia, per continuare magari dopo l'attività agonistica a rimanere nell'ambito dello sport come medico.

«E' importante andare in pista con la giusta carica - conclude Maria - e gli studi in Psicologia mi serviranno parecchio per ottenere la giusta concentrazione e fare bene».

L'universo dei motori in Sicilia si arricchisce di altri personaggi con Maria Catalano che al femminile si affianca a Marzia Mezzanotte, 20 anni, palermitana ma residente ad Acquedolci, che lo scorso anno dopo alcune gare di Formula Campus, spera adesso di poter prendere parte alla Formula Renault 2001, forte dei due successi ottenuti lo scorso anno al Trofeo d'Inverno a Magione Forza ragazze!"

Lorenzo Magrì
Gazzetta dello Sport, Edizione Sicilia, 18 febbraio 2001

Motocicliste ® 2000