Motocicliste
 
Login | Registrati |condividi su  

home page

Pilote
- le pilote italiane e straniere impegnate nei campionati
IUSM
un progetto di ricerca con Motocicliste
Link
I siti di pilote

Professione meccanico
Jessica Campos Ruiz

Pilote italiane

PAOLA DOLCI
Pilota negli anni '60
G
imkanista, regolarista e motocrossista
Paola Dolci

dal sito Motoanni60.it

Gli anni anche per le donne sportive non contano. Era appena quindicenne e già si misurava con gli spericolati ginkanisti, ma la stoffa dell'atleta non le mancava. A Monterotondo, il 25 settembre 55 è giunta seconda in una avvincente gara. Poi si è piazzata in altre competizioni di abilità, fino a che, compiuto il 19° anno, entrava a far parte del Moto Club Roma e si produceva in duelli con regolaristi, di ogni categoria, ottenendo buoni risultati; 2^ alla Regolarità Carnevale di Frascati del 57 con la Squadra Ufficiale Laverda. Ma l'attendeva il maggiore impiego nel motocross cadetti, consentendole di farsi strada e sottoponendosi all'attenzione dei Dirigenti del suo Club, con le onorevoli classifiche ottenute: 17/11/65 (4^ al campionato romano di motocross su MV; 2^ alla gara di Torre Spaccata del 1964; 3^ alla gara di Frosinone) oltre a giungere 1^ alla gimkana di Rocca Priora nel 1963 e 1^ alla Regolarità Coppa Carnevale di Frascati del 1965 sempre su MV. Al motocross di Rieti del 1970 su Italjet 175 si è classificata 2^; a Parma, al Campo di S.Titale di Baganza su OSSA ha difeso il 2° posto su di un lotto di 40 concorrenti; a Ponzano Romano nel 71 sempre su OSSA 175 è giunta 2^; 3^ a Tor Bella Monica; 3^ ad Allerona, 2^ a Frosinone il 27/6/7l. Nel 1973, al Campionato interregionale motocross si è piazzata 7^ nella classifica assoluta della classe 250 cc., senza tralasciare la precedente affermazione ottenuta con il 3° posto al Campionato interregionale del 1971. Invitata a Pinerolo, a Bologna, a Fermo, ad Orvieto, Civitanova Marche, Calangianus, Tempio Pausania, ha superato parecchi più stimati conduttori. Il 73 ed il 74 sono stati gli anni in cui è stata la più valida esponente femminile oltre i confini del Lazio. Nel 1975 ha preso parte ai motocross di Orvieto, Napoli, S.Maria Capua Vetere, Stroncone e Monteleone di Spoleto. Scorrendo le aride classifiche degli ordini di arrivo, si è più volte letto il suo nome; la casacca della Società ora è quella dell'Hobby Motor Club Roma e la moto è pure cambiata, una lucida MA ICO 250 cc. Per diverso tempo si è pensato ad un passaggio di categoria dalla R.N. alla Junior, ma la Dolci non poteva perché... donna. Poi vennero altre campionesse... e si fece eccezione. Sarebbe di grande attrazione un incontro tra "donne" DOLCI-PONT-MULLER, magari in una gara di contorno ad un motocross titolato, per vedere le capacità agonistiche di queste atlete, vanto della grazia e della femminilità in uno sport che è ritenuto accessibile solo al sesso mascolino.
La Paola Dolci, si allena in campi improvvisati e nelle ore libere dalla sua attività commerciale con avviato negozio di articoli da regali.
E' un esempio di serietà e di dedizione ed afferma il principio per il quale si possono accogliere i frutti della tenacie in competizioni promiscue correndo sul filo dell'uomo-macchina.
Con l'avvento della civiltà motorizzata, tutti hanno il diritto ed il dovere di partecipare alla sagra sportiva che non fa distinzione tra centauri ed automobilisti di diverso sesso, perchè la patente di guida viene rilasciata a chiunque sia in possesso di sana e robusta costituzione.

Paola al cross di Montopoli
Paola Dolci

Motocicliste 2000