Motocicliste
 
Login | Registrati |condividi su  

home page

STORIE

No hornettina?! No Officina Party

hornetA fine ottobre i danni erano oramai fatti: una brutta ammaccatura sul serbatoio blu metallizzato, qualche grattata sparsa, uno specchietto divelto.

A gennaio era oramai davvero inutile arrabbiarsi per la scivolata. Ho cercato invece di trarre dall'accaduto una lezione, così come faccio solitamente quando le cose non mi vanno per il verso giusto: ho preso come punto di riferimento quella che è la mia "famiglia allargata", ovvero gli amici centauri, e mi sono decisa a riportare allo splendore la mia bimba su due ruote, ferita e col vestito blu malamente sgualcito dalla caduta.

Non so ancora come sia effettivamente nata l'idea di cambiare colore alla moto, forse per rivalsa alla sfortuna, forse per dare un segno tangibile del mio rinnovato approccio nei confronti della moto.
hornet Fatto sta che dopo qualche settimana di umore altalenante (ero totalmente indecisa sul da farsi) e molte consultazioni con gli amici motociclisti e con i net-bikers della chat alla fine ha vinto il colore dell'estate, degli agrumi, dell'aragosta: "La mia hornettina sarà arancione!!!".

Così, decise le tonalità, prima attraverso visualizzazione a computer (grazie al supporto grafico di Babo, amico grafico) e poi sulle mazzette-colore da carrozzieri, non restava che smontare le parti da riverniciare e cominciare a fremere di gioia.

Ovviamente, in officina, al momento della prima operazione di "svestizione" non potevo mancare. Complice il mio meccanico del cuore Luca, che ha messo a disposizione spazio, attrezzatura ed infinita esperienza per un sabato pomeriggio indimenticabile, trascorso sul banco elevatore rosso sgargiante come quello dei reparti corse, a svitare pezzi, discutere di modifiche e scherzare. Potendolo hornetfare lo consiglierei a tutti. Assistere, in modo più o meno attivo, agli intereventi di manutenzione: è un'esperienza oltre che utile, divertente e
coinvolgente.

Spogliare ulteriormente la mia Bloo (che è già abbastanza nuda di suo) è stata una scoperta continua, sporcarmi le mani di grasso un piacere, imparare i nomi degli utensili una sfida. ma la ciliegina sulla torta è stato poter fare un piccolo giro come passeggera sul CBR di Luca, con impennate da brivido e sosta per una corroborante cioccolata calda in zona Bassano.

Durante la settimana richiesta per la verniciatura dei vari pezzi, ho potuto fortunatamente restare sempre a contatto con il feeling motociclistico, perdendomi fra i hornetbagliori delle moto al Bike Expo, con i corsi di prima guida organizzati da Motocicliste.net e sospirando in attesa di vedere il risultato del restyling sulla mia Bloo, in trasformazione.

Il grande giorno finalmente è arrivato. Un'emozione incredibile: quasi come andarla a ritirare, per la seconda volta, dal concessionario. Per l'occasione ho fatto un rapido giro di inviti, portato qualche birra fresca, stuzzichini, spumante, crostoli e frittelle... et voilà! Si dia inizio all'Officina Party!

Fra un bicchiere di bianco e una chiave n.14 ci siamo messi di nuovo al lavoro. Paola The Gate (nomignolo appioppatole a causa del suo cancello VT600), Luca ed io rigorosamente in tuta da meccanici, gli altri invitati alla festa moto-mondana in borghese ma con il rombo nel cuore.

hornetUna volta vestita a nuovo, in vivace color arancione, la mia piccola Bloo (che oramai di blu ha ben poco), è stata ufficialmente ribattezzata come Bastard: in quanto l'effetto finale è un tantino eccentrico e spiazzante. ma non per questo spiacevole. A testimoniarlo non solo i tanti amici intervenuti all'Officina Party ma anche i curiosi al primo raduno invernale sul Grappa che, dopo il primo impatto, hanno comunque apprezzato questo cocktail a base di succo d'arancio e blu curaçao su due ruote. Un mix da gustare.con gli occhi (è proprio bellissima, lo so.), dal forte sapore (ne ha di cavalli!!!) ma che inebria senza stordire, casomai mi da un po' di assuefazione e dipendenza. perché non scenderei mai dalla sella!"

Mimijoy

hornet

 

Motocicliste 2000