Motocicliste
 
Login | Registrati |condividi su  

home page

Tunisia (Laura)

Capo Nord (Milena)

Tunisia (Simonetta)

Tunisia (Silvia)

Tunisia (Erika)

Andalucia (Raduno WIMA)

Svizzera: Concorso dei passi svizzeri - Tour des Cols 2000

VIAGGI e WEEK END

CUORE INDOMITO
Un viaggio in Camargue

Alla fine sono partita per davvero? Era da Gennaio che avevo in mente questo viaggio, ma io stessa non credevo che alla fine l'avrei fatto.
6 giorni e 1799 Km assolutamente da sola, se non con il mio fido destriero bianco: una Yamaha Drag Star 650, con la quale ho condiviso gli splendidi panorami della Camargue.

"Ma Elena sei sicura? Ma non hai nemmeno un anno di patente A!?"
"Come sarebbe? senza prenotare???"
"Ma perché sola? Non hai paura??"
"Ma non conosci nessuno che venga con te?"

Le uniche paure invece erano per la mia moto, non per me; per il resto, tutti i miei cosiddetti amici hanno la moto ma, essendo uomini, potete ben immaginare come mi trattino: non mi invitano neppure a fare scampagnate di un giorno!

Siccome sono piuttosto determinata e mi piace la solitudine, il 17 Agosto ho lasciato al loro destino la mia casa in provincia di Genova (con 2 genitori un po’ in ansia) e tutti questi discorsi e me ne sono andata, con uno zaino legato all’ultimo momento sul sedile posteriore del mio custom, e vestita del mio giubbotto con la scritta UNYIELDING HEART (CUORE INDOMITO).

La prima sera ho dormito ad Avignone e il giorno dopo ho raggiunto la Camargue, zona affascinante per i suoi paesaggi selvaggi (cavalli e tori liberi al pascolo, aironi nelle paludi...) e per la sua storia. L'ultimo giorno ho proseguito lungo la costa francese fino ad arrivare a Cap d’Agde, a soli 130 km dalla Spagna!

Ovunque andassi incontravo il sorriso, la curiosità e la disponibilità della gente (a parte qualche automobilista impaziente!), e mi sono accorta di come in Francia il motociclista goda di molti privilegi (può posteggiare sugli ampi marciapiedi, può accedere a zone pedonali, paga pedaggi autostradali inferiori a quelli delle auto, gli stessi automobilisti spesso gli danno la precedenza...).
Tutti i motociclisti incontrati poi mi hanno salutata (non solo quelli sui custom). Soprattutto ho visto quante donne ci siano alla guida delle moto! (Anche al volante, assai spesso sono loro alla guida, con l'uomo vicino).

E' stata una vacanza meravigliosa: la mia moto mi ha sempre assistito e l'emozione più grande era ritrovarla al mattino, per fare insieme molti km su qualche larga e soleggiata route, tornando in albergo a sera inoltrata con il viso sporco di "strada".
Certo, qualche imperfezione c'è stata, dovuta a uno “spaesamento” generale e alla mia ancora troppo poca esperienza di guida, ma so che questo è solo il primo dei umerosissimi viaggi in moto che voglio fare nel corso della mia vita: ho tutto il tempo per migliorare e diventare una "donna a 2 ruote" con tutte le carte in regola.

Elena

 

 

Motocicliste 2000