Motocicliste
 
Login | Registrati |condividi su  

home page

Tunisia (Laura)

Capo Nord (Milena)

Tunisia (Simonetta)

Tunisia (Silvia)

Tunisia (Erika)

Andalucia (Raduno WIMA)

Svizzera: Concorso dei passi svizzeri - Tour des Cols 2000

ElefantenTreffen

L'Elefantentreffen di Tiziana

3600 km di pura follia, tra monti e valli, col sole con la pioggia neve e nebbia, con temperature che toccavano i 10 gradi sopra lo zero e i 10 sotto lo zero...

Itinerario

  • Elefantentreffenmercoledi 26/01/2011 Monopoli-Napoli 300 km
  • giovedi 27/01/2011 Napoli-Bolzano 840
  • venerdi 28/01/2011 Bolzano-Solla (Germania) location del raduno 500 km
  • sabato sosta raduno
  • domenica 30/01/2011 Solla (Germania)-Modena (ci siamo femati causa nevicata tra roncobilaccio/barberino) 700 km
  • lunedi 31/01/2011 Modena-Napoli 620 km
  • Martedi 1/02/2011 Napoli-Monopoli 300 km, alle 12.00 ero a casa

ElefantentreffenL’elefantentreffen l’ho visto e un po l’ho vissuto... sì perché le cose vanno viste toccate. La medaglietta la devi andare a prendere tu con le tue mani.

L’elefantentreffen cos'è? Io lo definirei una meravigliosa follia tra l'umano e il disumano, tra il presente e il passato, tra quello che i nostri avi hanno vissuto e quello che i nostri figli mai vivranno... e forse ne sentiranno lontanamente parlare.

L'elefantentreffen cos'è? E' quello che siamo stati tanto tempo fa e che mai torneremo ad essere. Oramai dormiamo in stabili di cemento e non più in tende o capanne o strutture di primo accampamento... oramai per far uscire acqua dai rubinetti non giriamo neanche più una manopola ma con le fotocellule l'acqua vien fuori automaticamente. Oramai anche quando andiamo al bagno non dobbiamo tirare più lo sciacquone. Cucinare? basta appoggiare il tegame sul fornello che la serpentina si attiva da sola. Tutto questo all'elefantentreffen non c'è, non esiste, non è previsto, calcolato... anzi è censurato. Annullato tutto censurato quello che oggi è confort, quello che oggi ci ha reso bionici, privi di sangue, privi di spirito di sopravvivenza...

ElefantentreffenL'elefantentreffen è sopravvivenza sì... L'uomo è nato dalla terra e alla terra tornerà...
Andare all'elefante è come voler tornare misticamente allo stato naturale di ognuno di noi, svincolandosi dal modo comune di vivere.

E' un mettersi alla prova col freddo, con la mente, con la voglia di aggregazione. In quella fossa puoi startene a guardare lo spettacolo o puoi essere parte integrante, ma comunque sei, perché ci sei andato, ci sei arrivato... cavolo sì, ci sei arrivato nonostante le tremila paure della partenza, quando hai ingranato la prima marcia di quel lungo viaggio e ancora pronunciavi tra te e la moto: "ma ando cavolo sto andando?" :)

L’elefantentreffen è spruzzata di follia sulla tua vita che spesso si colora di grigio di ansie e tribolazioni. C'è chi cerca la propria essenza nella quotidianità e chi invece in piccole dosi di follia, nel conoscere il limite non della propria moto ma il proprio limite, se un limite c’è.

ElefantentreffenAndare all'elefantentreffen è anche voler prendere coscenza che, oltre se stessi, c'è un mondo umano che la pensa e che vive diversamente. Puoi osservare altri visi di altro colore, altri abiti, altri modi di fare, puoi ammirare l'ingegno umano che - con pochi ferri e pochi attrezzi conservati in scantinati vecchi e umidi - elaborano con passione motori storici e mantengono in vita la storia che le loro moto raccontano. L'elefantentreffen è vita, sì vita che si mantiene in vita grazie all'essenza dell'essere umano, che negli anni si sfaccetta di una miriade di colori se glielo permetterai.

ElefantentreffenGrazie Elefantino... ho capito che nulla mi spaventa e che la mia passione non conosce limiti.

Tiziana

 

 

 

 

 

 

 

Elefantentreffen

Elefantentreffen

 

Motocicliste 2000